Per l'accesso ai corsi ECM inserisci SIOT ECM CARD nel dispositivo USB e segui le istruzioni per l'accesso facilitato ai corsi

ACCESSO RISERVATO AI SOCI SIOT

SIOT ECM CARD

Utilizza la chiavetta anche per l'archiviazione dei documenti

SIOT Informa

SIOT È PROVIDER ECM

In data 24/11/2014 SIOT ha ottenuto l'accreditamento standard dalla commissione ECM. Provider n. 802.

Novità

Il piede: compagno di vita

Provider SIOT n. 802

Corso attivo dal 23/11/2015 al 22/11/2016

Crediti: 4,5

Responsabile Scientifico:
Prof. Sandro Giannini
Professore ordinario di ortopedia e traumatologia Università di Bologna

Docenti:
F. Ceccarelli, V. Deanesi, A. Demurtas, B. Magnan, A. Volpe

Il corso FAD si articola in lezioni multimediali, casi clinici proposti con il metodo PBL (Problem Based Learning) video e letture tratte dai principali studi clinici.
Il corso, erogato tramite piattaforma dedicata, sarà articolato in 3 moduli ognuno dei quali comprenderà lezioni frontali come presentazioni in formato power point con testi audio sincronizzati, esplicativi e testi di approfondimento bibliografico in pdf.
La modalità di formazione sarà quindi a distanza ma prevedrà la possibilità del tutoraggio da parte dei docenti che risponderanno ad eventuali quesiti posti dall’utenza, come previsto da normativa.

ACCEDI Al CORSO

 

La diagnosi precoce clinica e strumentale della displasia congenita dell’anca

Provider SIOT n. 802
in collaborazione con SITOP

Corso sarà attivo da gennaio 2017

Crediti: 4,5

Responsabile Scientifico:
Dr. Maurizio De Pellegrin
Responsabile Unità funzionale di Ortopedia e Traumatologia infantile IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano

Docenti:
M. De Pellegrin, V. Paone, F.M. Lotito

Il Corso si compone di tre parti e rappresenta una sintesi aggiornata delle metodiche clinico-strumentali per la diagnosi precoce della displasia dell’anca infantile. Nella prima vengono esposti criticamente gli aspetti semiologici nella diagnosi clinica della displasia dell’anca, approfondendo in particolare la manovra di Ortolani e Barlow e la loro correlazione con quadri morfologici strumentali. Nella seconda parte viene esposta la metodica ecografica secondo Graf con la sua classificazione dei vari quadri di displasia congenita dell’anca. Nella terza parte viene riportata la metodica radiografica tradizionale, esposti i parametri per la diagnosi e le indicazioni attuali del suo uso in rapporto ad altre metodiche strumentali.
Il tema del Corso è estremamente attuale e socialmente importante; sono infatti coinvolti nel percorso diagnostico strumentale di questa patologia: il neonatologo, il pediatra, il radiologo, l’ortopedico, il fisiatra. Arrivare ad una condivisione di conoscenze e di strategie diagnostico- strumentali sarebbe di auspicio e di beneficio per tutti i soggetti coinvolti.

PRESTO ONLINE

 

Scoliosi infantili ad esordio precoce

Provider SIOT n. 802
in collaborazione con SITOP

Corso sarà attivo da gennaio 2017

Crediti: 4,5

Ore formative: 3

Responsabile Scientifico:
Prof. Guido La Rosa
Direttore U.O. Ortopedia - Dipartimento Chirurgico Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù, Roma

Docenti:
G. La Rosa, M. Carbone, T. Greggi

Professioni e Discipline coinvolte: Medico Chirurgo: Ortopedia e Traumatologia; Medicina Fisica e Riabilitazione; Pediatria

L’insorgenza di una scoliosi nei primi anni di vita rappresenta una evenienza gravissima, a causa delle gravissime ripercussioni che la curva ed il suo rapidissimo peggioramento (legato al ritmo di crescita rapido) provocano sullo sviluppo del bambino.
Gli organi maggiormente coinvolti ed a rischio sono il midollo spinale, con rischio di paraplegia ed il parenchima polmonare, il cui sviluppo volumetrico avviene entro i primi 5 anni di vita.
Diventa pertanto fondamentale la diagnosi, l’inquadramento ed il trattamento precoce, pena lo sviluppo di una insufficienza respiratoria e cardiocircolatoria (cuore polmonare).
La conoscenza della semeiotica e la comprensione della importanza di una diagnosi precoce e di un precoce trattamento, non solo conservativo ma anche chirurgico della malattia, sono elementi fondamentali nella strategia terapeutica: tale bagaglio deve far parte non solo delle conoscenze dell’ortopedico pediatrico, ma anche dell’ortopedico generale e del pediatra, che spesso è la prima figura che si confronta con la malattia.

PRESTO ONLINE